Risonanza magnetica aperta

Nella nostra struttura sono funzionanti tre Risonanze Magnetiche ad alto campo, tutte di marca Philips, una delle quali di tipo “aperto”.

 

 

La risonanza magnetica a “tunnel”

 

L'intensità di un campo magnetico si misura in tesla (T). In linea di massima, maggiore è l'intensità di campo, migliore è il risultato, soprattutto in campo neuroradiologico.

In Italia per uso diagnostico è consentito l'impiego di un campo massimo di 1,5 tesla.

Presso il nostro Centro sono installate due modernissime apparecchiature a “tunnel” da 1,5 tesla.

Rispetto ai vecchi modelli il tunnel è più corto, ben illuminato e ventilato, con ampia svasatura agli estremi. Data l'alta efficienza della macchina, i tempi di esecuzione sono estremamente brevi (permanenza media del paziente di 7-8 minuti per singolo esame).

Tuttavia non tutti i pazienti riescono a sottoporsi a una indagine in un sistema a “tunnel”, soprattutto quando tutto il corpo deve essere introdotto nella macchina.

Si tratta in particolare dei claustrofobici, che non sopportano di essere confinati, sia pure per breve tempo, in un ambiente particolarmente ristretto.

Vi sono poi i pazienti obesi, che fisicamente “non passano” in un cilindro di 60 cm di diametro.

Infine vi sono i bambini, che non possono essere lasciati soli all'interno del tunnel.

 

 

La Risonanza Magnetica aperta ad alto campo

 

La Risonanza Magnetica aperta ovvia a tutti questi problemi.

Attenzione, però: se da un lato si fa presto a dire aperta, dall'altro bisogna valutare l'attendibilità diagnostica degli esami.

Esistono da sempre apparecchiature aperte a basso campo, da 0,2 a 0,4 tesla. Tuttavia, data la bassa intensità di campo, i risultati sono inevitabilmente modesti. In particolare, se alcuni esami dell'apparato muscolo-scheletrico possono essere accettabili, altri sono assolutamente inattendibili, tant'è vero che molti specialisti neurologi nella propria prescrizione specificano la necessità dell'impiego di un'apparecchiatura “ad alto campo”.
Per esempio, lo studio in risonanza magnetica della sclerosi multipla va effettuato solo con sistemi ad alto campo; altrettanto dicasi per le indagini vascolari.

Per ovviare a questi problemi la Philips ha messo in produzione un'apparecchiatura aperta ad alto campo da 1 tesla (non esistono apparecchiature aperte da 1,5 tesla) i cui risultati diagnostici sono sovrapponibili a quelli ottenuti con le risonanze tradizionali da 1,5 tesla.

Questa modernissima macchina è stata installata presso il nostro Centro ed è l'unica di questo tipo nella province limitrofe alla nostra di Lombardia, Emilia e Veneto.